PANTOFOLE TOPOLINO DISNEY CIABATTE SCARPE DA 25 AL 32 D611012 Sneakernews

B01MTKDMTO

PANTOFOLE TOPOLINO DISNEY CIABATTE SCARPE DA 25 AL 32 - D61101_2

PANTOFOLE TOPOLINO DISNEY CIABATTE SCARPE DA 25 AL 32 - D61101_2
PANTOFOLE TOPOLINO DISNEY CIABATTE SCARPE DA 25 AL 32 - D61101_2 PANTOFOLE TOPOLINO DISNEY CIABATTE SCARPE DA 25 AL 32 - D61101_2

L’amministratore delegato di Tim, Flavio Cattaneo, è pronto a dimettersi nei prossimi giorni dopo lo scontro con il principale azionista,  i francesi di Vivendi .

Tim comunica in una nota che «sono in corso di convocazione il Comitato Nomine e Remunerazioni», nonché, a seguire,  il Consiglio di Amministrazione , «con all’ordine del giorno l’esame della proposta di definizione consensuale dei rapporti fra la Società e il dottor Flavio Cattaneo. Deliberazioni conseguenti». È previsto che le riunioni si terranno il prossimo lunedì 24 luglio, si legge nella nota.

Sì al parco archeologico del Colosseo: il Consiglio di Stato dà ragione al Governo

Ribaltate le sentenze del Tar Lazio che avevano a loro volta accolto i ricorsi di Roma Capitale in relazione all'istituzione del Parco archeologico del Colosseo e alla nomina con selezione pubblica internazionale, del direttore del Parco

Redazione
24 luglio 2017 19:37
I più letti di oggi
Verkehrszeichen
Verkehrszeichen
APPROFONDIMENTI

Il Parco archeologico del Colosseo è legittimo e si farà così come ha previsto il Governo. La sesta sezione del Consiglio di Stato, con due sentenze pubblicate oggi, ha accolto gli appelli del ministero dei Beni culturali contro le sentenze del Tar Lazio che avevano a loro volta accolto i ricorsi di Roma Capitale in relazione all'istituzione del Parco archeologico del Colosseo e alla nomina con selezione pubblica internazionale, del direttore del Parco. Nelle sentenze depositate oggi il Consiglio di Stato si pronuncia su tre questioni: quella del necessario coinvolgimento di Roma Capitale nel processo decisionale, quella della fonte istitutiva ed infine quella in merito al conferimento dell'incarico di direzione del Parco archeologico del Colosseo anche a cittadini non italiani. 

Il ricorso di Roma Capitale

Annunciato il 21 aprile scorso dalla sindaca di Roma, Virginia Raggi, e dal suo vice e assessore alla Crescita culturale, Luca Bergamo, il ricorso presentato e accolto dal Tar del Lazio si opponeba ai due decreti del ministro Dario Franceschini di istituzione del Parco archeologico del Colosseo e di indizione della gara internazionale per la selezione del direttore. Secondo Roma Capitale, l'istituzione del Parco archeologico del Colosseo avrebbe "svuotato di contenuto l'Accordo sottoscritto nell'anno 2015 tra il ministero e Roma Capitale" e "introdotto disposizioni economiche finanziarie lesive degli interessi dell'amministrazione capitolina". 

La pronuncia del Consiglio di Stato

La prima riguarda la necessità di coinvolgere, per assicurare il principio di leale collaborazione, Roma Capitale nella fase di istituzione del Parco archeologico. I giudici di Palazzo Spada hanno ritenuto che sia necessario distinguere la fase di organizzazione amministrativa da quella di esercizio delle funzioni di valorizzazione del patrimonio culturale. La prima fase, che viene in rilievo con la istituzione del Parco - poichè riguarda la creazione di uffici dirigenziali statali - rientra nell'esclusiva competenza legislativa dello Stato e amministrativa del Ministero. L'esigenza di assicurare il principio di leale collaborazione viene in rilievo nella seconda fase che e' quella della gestione dei beni.



Potrebbe interessarti:  TDA Ballroom donna Blue

Seguici su Facebook:  Dorothy Perkins Swoosh High Heel, Scarpe col tacco Donna Black Multi Bright

Con il lancio di Note 8 Samsung prova a rilanciare anche Bixby. L’assistente virtuale, già presente sul Galaxy S8, non ha convinto a causa delle funzioni limitate e della limitata compatibilità linguistica. La nuova versione sarà disponibile anche in Italia (ma in inglese) e potrà attivare delle macro grazie a  comandi pre-programmati  (basta dire “Good Night”, ad esempio, per attivare la sveglia predefinita e silenziare le notifiche) ma bisognerà provarla per capire se il livello sia paragonabile a quello delle offerte concorrenti come Siri e soprattutto Google Assistant.

Più interessante invece la demo di DeX, il dock che - collegato a un monitor esterno - trasforma il dispositivo in un PC. Anche in questo caso le funzioni sono le stesse disponibili sul S8, come la possibilità di proseguire a schermo una  videochiamata  avviata sul telefono. Anche i dubbi rimangono: i casi d’uso certamente esistono, ma questo tipo di convergenza fra smartphone e computer, entusiasmante in teoria, fatica ad imporsi davvero fra i consumatori.